PASSEGGIATA NOTTURNA A CONTILE ricercando antiche atmosfere .

La notte vede sempre piu’ del giorno. La notte, lontana dalle citta’, e’ in bianco e nero, che evoca il visibile e l’ invisibile. Il colore invece, soprattutto se illuminato, dispiega entro confini netti, marcati, certi. L’ atto di immaginazione non puo’ aver luogo. Consiglierei a tutti di vagabondare ogni tanto per le stradine di un piccolo borgo: ci si prenderebbe il tempo di un’ altro respiro, piu’ lento e cadenzato, rispecchiando se’ stessi in ogni suo angolo, come se il tutto fosse assorto in un’ incantesimo. Come avvertito da me, da Flavio e da suo figlio, nella magica notte tra sabato e domenica in quel di Contile, leggendo le poesie di Adelvaldo Credali, cantore antico della Val Ceno.
Gianluca Bonazzi

clicca sull’immagine per visualizzare la galleria
DSCF9373

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...